Tu scendi dalle stelle, o Re del cielo,
e vieni in una grotta al freddo, al gelo.
O Bambino mio Divino
io ti vedo qui tremar.
O Dio Beato! Ah quanto ti costò
l’avermi amato.

A te che sei del mondo il Creatore
non sono panni e fuoco ‘o mio Signore.
Caro, eletto pargoletto,
quanto questa povertà
più m’innamora,
giacchè ti fece amor povero ancora.

Tu dormi, Gesù mio, ma intanto il core
non dorme, no, ma veglia a tutte l’ore.
Deh mio bello puro Agnello,
a che pensi? Dimmi tu,
o amore immenso;
un dì morir per te, rispondi, io penso.